Castagnole

Castagnole

E’ arrivato Febbraio e si avvicina anche Carnevale con i suoi dolci fritti.  Le castagnole sono uno dei dolci più conosciuti, tipiche della Romagna, ma che nella settimana di Carnevale si trovano in tutta Italia.

A seconda della zona in cui vengono prodotte, le castagnole vengono preparate con ingredienti differenti. Possono essere semplici (come queste), farcite con creme o ricoperte di cioccolato invece che di zucchero.

Questa ricetta è quella della mia mamma, l’impasto contrariamente alle altre ricette che ho trovato in rete, non si lavora come se si stesse impastando la pasta frolla (tanto per intenderci) ma rimane più liquido e si versa nell’olio bollente utilizzando un cucchiaio. Naturalmente se le mangiate calde sono buonissime ma anche fredde non sono affatto male.

Castagnole

Preparazione 20 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo totale 40 minuti
Porzioni 4 persone

Ingredienti

  • 600 g di farina 00
  • 4 uova
  • 9 cucchiai di zucchero semolato
  • 250 ml di latte fresco intero
  • la scorza grattugiata di un limone bio
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • olio di semi per friggere

Istruzioni

  1. In un contenitore setacciate la farina con il lievito, aggiungete le uova, lo zucchero e la scorza grattugiata di un limone.

  2. Aggiungete il latte e mescolate il tutto facendo attenzione a non far formare dei grumi.

  3. Quando il composto sarà ben amalgamato lasciatelo riposare per 30 minuti.

  4. In una casseruola scaldate abbondante olio (sarà pronto quando immergendovi uno stuzzicadenti intorno a quest'ultimo si formeranno le bollicine). Prelevate con un cucchiaio poco composto per volta e lasciatelo cadere nell'olio aiutandovi con un dito.

  5. Fate cuocere le castagnole fino a quando non avranno un colorito dorato uniforme. Non tenete la fiamma troppo alta perché rischiate di far colorire le castagnole in fretta e di trovare l'interno ancora liquido. Scolate le castagnole e passatele nello zucchero semolato quando sono ancora calde (oppure spolverizzatele con zucchero a velo).

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *